- Mostra Ciò che resta - Eduardo Secci Contemporary - Galleria d'arte contemporanea a Firenze - Italia

Ciò che resta

Ciò che resta
Ciò che resta
Ciò che resta
Ciò che resta
Ciò che resta
Ciò che resta
Ciò che resta
Ciò che resta
Ciò che resta
 
 

PAOLO GRASSINO
Ciò che resta
A cura di Marco Meneguzzo e Daniele Capra

"Ciò che resta" è il titolo dell'ultimo grande lavoro di Paolo Grassino: un gigantesco cranio, realizzato in tubo corrugato e ferro. L'idea del "memento mori" sembra percorrere tutta la nuova mostra da Eduardo Secci, anche se le altre opere paiono non avere diretti riferimenti all'allegoria sulla morte, che è una delle costanti dell'arte occidentale da duemila anni a questa parte. Di fatto, si tratta di residui di fusione, di concrezioni metalliche, di "ciò che resta", appunto, una volta che "ciò che conta" se ne è andato...
Il mondo ostile che Grassino ci ha abituato a considerare – si veda ad esempio la grande installazione "Analgesia" del 2012 – ritorna con uno dei tabù, forse l'ultimo, dell'Occidente: la morte. Uno sguardo per molti impaurito sulle realtà ultime dell'esistenza (ancora "ciò che resta"...), ma anche un'esortazione per quei pochi stoici, credenti, o semplicemente forti - a considerare il cuore della vita e non solo il suo colorato contesto.
(dal testo in catalogo di Marco Meneguzzo)

Scarica comunicato stampa

Video

Ciò che resta - Paolo Grassino

Ciò che resta
A cura di Marco Meneguzzo e Daniele Capra 
12 Aprile - 31 maggio 2014

"Ciò che resta" è il titolo dell'ultimo grande lavoro di Paolo Grassino: un gigantesco cranio, realizzato in tubo corrugato e ferro. L'idea del "memento mori" sembra percorrere tutta la nuova mostra da Eduardo Secci, anche se le altre opere paiono non avere diretti riferimenti all'allegoria sulla morte, che è una delle costanti dell'arte occidentale da duemila anni a questa parte. Di fatto, si tratta di residui di fusione, di concrezioni metalliche, di "ciò che resta", appunto, una volta che "ciò che conta" se n'è andato...
Il mondo ostile che Grassino ci ha abituato a considerare -- si veda ad esempio la grande installazione "Analgesia" del 2012 -- ritorna con uno dei tabù, forse l'ultimo, dell'Occidente: la morte. Uno sguardo per molti impaurito sulle realtà ultime dell'esistenza (ancora "ciò che resta"...), ma anche un'esortazione per quei pochi -- stoici, credenti, o semplicemente forti - a considerare il cuore della vita e non solo il suo colorato contesto.
(dal testo in catalogo di Marco Meneguzzo)


    Opere in mostra

Scarica la check-list delle opere

Artisti

Paolo Grassino

Paolo Grassino

 

 

Firenze
Piazza Carlo Goldoni 2
50123 | Firenze | Italia
T. (+39) 055 661356
gallery@eduardosecci.com
www.eduardosecci.com

 
Facebook Instagram Twitter YouTube Artsy Artnet

Aperto oggi 10:00 - 13:30 + 14:30 - 19:00

 

Eduardo Secci Contemporary s.r.l soc. unip.
Cap. Soc. IV 1.000.000,00 €
IT C. F. P.IVA N. ISCR. REG. IMP. FI 06421100485
Sede Legale Piazza Carlo Goldoni 2
50123 | Firenze | Privacy & Cookies