Héctor Zamora

 

L'Artista

Héctor Zamora nasce nel 1974 a Città del Messico. Vive e lavora a Lisbona.
Il lavoro di Héctor Zamora trascende lo spazio espositivo convenzionale, reinventandolo, ridefinendolo, generando attriti tra i ruoli comuni di pubblico e privato, esterno e interno, organico e geometrico, selvaggio e metodico, reale e immaginario.
Con la sua esperienza tecnica e conoscenza dell'architettura leggera, e un'attenzione meticolosa sul processo di concettualizzazione e costruzione di ogni pezzo, Zamora implica la partecipazione dell'osservatore e richiede loro di mettere in discussione l'uso quotidiano dei materiali e le funzioni dello spazio.
"Fin dall'inizio ho cercato di portare i lavori fuori dagli spazi dei musei con l'ambizione di essere capace di stabilire un dialogo più aperto con un'audience più vasta. Alla fine, i musei sono spazi pubblici, ma sono spazi interni. Al di fuori del museo, non ci sono barriere: ogni persona avrà un'interazione con i lavori, e io penso di forzare questo in un certo modo. Così si ottengono reazioni che spesso sorprendono più di ciò che si trova nello spazio del museo. Ovviamente, questo proviene anche dal mio interesse per questioni sociali e politiche," dice Zamora.
Héctor Zamora riesce a sovvertire ogni suo sito di lavoro e in alcuni dei suoi interventi gioca con le strutture istituzionali, inserendosi in punti critici dove è possibile trovare sufficiente flessibilità per generare una reazione. Per esempio, costruire una casa parassita nel Museo Carrillo Gil a Città del Messico (dopo cinque mesi di ritardo nella costruzione causati da procedure burocratiche), occuparsi del divieto di mettere duemila metri di ninfee a San Paolo, mettere i doppi specchi alle finestre del Museo di Arte Contemporanea di San Diego, o guidare una serie di mattoni con i cittadini di Genk (Belgio) senza la sanzione del governo locale.
Il suo lavoro è stato esposto in mostre personali a: Gluck 50, Milano (2019); Pavilhão Branco, Lisbona (2018); Kunst in öffentlichen Raum, Vienna (2018); Viborg Kunsthal, Viborg (2018); Galleria Luciana Brito, San Paolo(2018); Stockholm Konst, Stoccolma (2018); Museo di Arte Contemporanea di Monterrey (2017) Cappadox Festival, Cappadocia (2017) Museo Universitário de Chopo, Mexico City (2017) Museu de Arte, Arquitetura e Técnologia, Lisbon (2017); Fundación RAC, Pontevedra (2017); Jardín Ochil, Merida (2017); Palais de Tokyo, Parigi (2016); CCBB. San Paolo (2016) FRAC des Pays de la Loire, Nantes (2015); Ecole D'Architecture de Nantes (2015) Kreëmart. Parigi (2015); Espaço Aurora, San Paolo (2014); Kunststation Delden/ Het-Loket, Delden (2014); Labor Gallery, Città del Messico (2013); Center for Contemporary Art, Los Angeles (2013); Galerie Mélanie Rio, Nantes (2013) SMoCA. Scottsdale. Arizona (2012); Zeppelin Museum, Friedrichshafen (2011); Museo El Eco, Città del Messico (2011) Miami Basel, Miami (2010); Itaú Cultural, San Paolo (2010); FLACC, Genk (2008) MCASD, San Diego (2007); Galleria Enrique Guerrero, Città del Messico (2005) Carrillo Gil Museum, Città del Messico (2004); Galleria Garash, Città del Messico(2003). In mostre collettive l'artista, tra le altre, ha esposto a: Otazu Foundation, Pamplona (2019); Galleria Goodman, Cape Town (2018);Centro Gallego di Arte Contemporanea, Santiago de Compostela (2018);11ª Bienal do Mercosul, Porto Alegre (2018); Biennale di Shanghai. Shanghai (2018); Museo de Arte Carrillo Gil, Città del Messico (2018); Biennale di Lione, Lione; 4th Ural Industrial Biennial, Ural; Los Angeles Municipal Art Gallery, Los Angeles; Trienal de Artes, Sesc Sorocaba; MUBE Museu Brasileiro de Escultura, San Paolo (2016); Museum of Modern Sculpture, The Hague (2016); Inter Arts Center, Malmö (2015); Museu da Cidade OCA, San Paolo (2015); 12th Biennale dell'Avana, Avana (2015); CCBB, Brasília (2015); Lois & Richard Rosenthal Center for Contemporary Art, Cincinnati (2014); The 8th Shenzhen Sculpture Biennale, Shenzhen (2014); CA2M Centro de Arte Dos de Mayo, Madrid (2014); Guggenheim Museum, New York (2013); 13th Istanbul Biennal, Istanbul (2013); Musée d'Art Moderne de la Ville de Paris/ARC, Parigi (2012); 11th Lyon Biennial, Lione (2011); Modern Art Museum, San Paolo (2011); 54th Venice Biennale, Venezia (2011); EX3 Contemporary Art Centre, Firenze (2011); 12th International Cairo Biennale, Cairo (2010); San Francisco Art Institute, San Francisco (2010); Liverpool Biennial, Liverpool (2010); Galeria Labor, Mexico City (2009); 53th Venice Biennale, Venezia(2009); Galeria Vermelho, San Paolo(2009); Zacheta National Gallery of Art, Varsavia (2007); 27th Bienal de Sao Paulo. San Paolo (2006); San Diego Museum of Art, Insite05, San Diego(2005); Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía, Madrid (2005); Mexican; Cultural Institute, Washington DC (2003).

Scarica il CV di Héctor Zamora in PDF

 

Mostre

MASS SPECTACLE

MASS SPECTACLE
Piazza Goldoni, 2 - Firenze
25.01.2019 - 23.03.2019

 
 

Firenze
Piazza Carlo Goldoni 2
50123 | Firenze | Italia
T. (+39) 055 661356
gallery@eduardosecci.com
www.eduardosecci.com

 
Facebook Instagram Twitter YouTube Artsy Artnet

Chiuso oggi

 

Eduardo Secci Contemporary s.r.l soc. unip.
Cap. Soc. IV 1.000.000,00 €
IT C. F. P.IVA N. ISCR. REG. IMP. FI 06421100485
Sede Legale Piazza Carlo Goldoni 2
50123 | Firenze | Privacy & Cookies